San Francesco
Home Su

CRONOLOGIA
AUTORI
San Francesco
Guinizzelli
Dante
Petrarca
Boccaccio
Machiavelli
Guicciardini
Ariosto
Tasso
Galileo
Goldoni
Shakespeare
Parini
Alfieri
Foscolo
Leopardi
Manzoni
Carducci
Verga
Pirandello

UNITÀ DIDATTICA: LA POESIA RELIGIOSA

bullet

Caratteri generali

bullet

Appunti su SAN FRANCESCO

Caratteri generali

bullet

E' una particolare poesia di intonazione mistica e di argomento religioso

bullet

ha la sua zona di irradiazione l'Umbria e soprattutto il territorio perugino

bullet

è promossa in primo luogo dal movimento francescano e dalle compagnie dei Flagellanti o Disciplinati sorte intorno al 1260

bullet

E' una letteratura tutt'altro che improvvisata e popolare, nonostante la sua diffusione anche fra i ceti non colti

bullet

la lingua usata è il volgare toscano dalle cadenze umbre

bullet

il tono è fortemente personale: predicatorio, drammatico, talvolta autobiografico ed esistenziale

bullet

rappresenta un'alternativa non ufficiale alla lirica provenzale cortese, quindi destinata ad essere lentamente emarginata dalla cultura dominante, di Dante e dello stilnovismo

bulletla forma poetica è la "lauda" che veniva utilizzata per la preghiera comune e per il canto; la lauda è una canzone di argomento sacro con strofe o "stanze" destinate ad un solista, e da "riprese", cioè ritornelli, ripetuti dopo ogni stanza dal coro: una forma embrionale di teatro, che darà origine alla "sacra rappresentazione" del sec. XV

Appunti su SAN FRANCESCO

bullet

biografia

bullet

il suo pensiero

bullet

il "Cantico delle creature" o "di Frate Sole"

bullet

confronto con Jacopone da Todi

bullet

link

bullet

bibliografia

bullet

immagini

(1182 - 1226 = 38 anni)

biografia

 

1182  Nasce ad Assisi da Pietro Bernardone e Monna Pica, francese: una delle famiglie più agiate della città
Studia il latino, il volgare, il provenzale, la musica
1202 A vent’anni partecipa alla guerra fra Assisi e Perugina ed è fatto prigioniero
1203 Torna a casa provato nel corpo e nello spirito, tanto che abbandona la vita spensierata della gioventù.
E’ attento agli emarginati, poveri e lebbrosi; desidera la povertà per cui si priva di abiti e denaro; ama il silenzio e la solitudine
Il Crocifisso della Chiesetta di San Damiano nei pressi della città gli parla: "Va’, ripara la mia casa che cade in rovina". Francesco vende allora le stoffe della bottega paterna e porta i denari al sacerdote.
Ammansisce con le sue parole il lupo di Gubbio che incuteva terrore alla gente
Comincia a raccogliere i primi seguaci, che vestono come lui di saio e stracci e vivono nel tugurio della  Porziuncola
1210 Innocenzo III approva verbalmente la sua spiritualità
1211 Nasce l’Ordine delle Povere Dame di San Damiano, chiamate Clarisse dopo la morte di Santa Chiara
1213 Riceve dal Conte Orlando di Chiusi il Monte della Verna
1216 Nasce l’Ordine dei Frati Minori
1219/1220 Si reca in Oriente: prima in Egitto dal sultano Melek el-Kamel, e poi in Palestina
1222 Vicino a Rieti scrive la Regola dei Frati Minori
1223 Onorio III approva la Regola
1224 Istituisce il Presepe di Greccio
Riceve le stimmate sul Monte della Verna
Stanco ed ammalato per la predicazione e le privazioni estenuanti, viene curato nel convento di Santa Chiara
Scrive il Cantico delle Creature, opera di alta religiosità e lirismo, che contiene tutti gli ideali dell'umiltà e della grandezza francescana
3 ottobre 1226 Muore alla Porziuncola, in Santa Maria degli Angeli,
16 luglio 1228 Papa Gregorio IX lo dichiara Santo

il suo pensiero

bullet

sintesi fra:

bullet

Cultura teocratica feudale dell’Alto Medioevo (un chierico che adora il suo Signore = opere in latino secondo i canoni culturali dell’epoca)

bullet

Cultura laica mercantile del Basso medioevo (un uomo attento alle cose e agli uomini che lo circondano = opere in volgare per coinvolgere il popolo)

bullet

confronto con le eresie (Catari, Valdesi):

bullet

Uguaglianze:
bullet

Vuole riportare i cristiani alla pura osservanza del vangelo

bullet

Presenta una religione più "umana", più interiore ed autentica, meno esteriore e formale

bullet

Attua in larga misura la predicazione, per far arrivare a tutti (anche ai poveri villaggi ) il suo messaggio

bullet

Presenta nuovi valori:
bullet

La povertà

bullet

La collettività

bullet

la genuinità evangelica

bullet

Differenze:
bullet

Pratica l’obbedienza verso la Chiesa

bullet

Rivaluta la natura come bene e come bello

bullet

Lotta contro la corruzione non con la violenza ma con l’amore (la sua missione in Oriente non è una crociata ma una missione di carità)

bullet

la sua spiritualità

bullet

La perfetta letizia

bullet

la totale sottomissione alla volontà di Dio

bullet

la libertà dagli attaccamenti terreni e dall'amore di sé

bullet

L’umiltà dei semplici

bullet

l'integrità e la radicalità della fede

bullet

la centralità di Cristo

bullet

la necessità della mortificazione e del digiuno per sottoporre il corpo ad una dura disciplina

il "CANTICO DELLE CREATURE"

bullet

presentazione:

bullet

Cantico perché
bullet

destinato al canto (ha composto parole e musica, probabilmente sillabica cioè una nota per sillaba, andata perduta)

bullet

è il canto di ringraziamento dell’uomo a Dio per i doni che gli ha dato

bullet

egli prega con l'anima e anche col corpo: se poteva cantava e danzava mentre elevava la sua lode a Dio = il giullare di Dio

bullet

creature perché
bullet

soggetto del canto è l’uomo che si riconosce come parte del creato, quindi è un narratore interno, non uno spettatore esterno

bullet

oggetto (il "tu") è Dio creatore

bullet

viene esaltata la concretezza della natura, come nel Presepe si esalta la carnalità del mistero dell'Incarnazione

bullet

importanza nella storia letteraria:

bullet

la prima opera importante della letteratura italiana, dal testo integrale e dall'autore conosciuto: opera di riflessione spirituale condotta da un poeta colto, esperto di cultura latina e francese, intenzionato a rendere nella nuova lingua l'altezza lirica della tradizione classica

bullet

segue ad altre opere di carattere religioso: il Ritmo cassinese, il Ritmo su Sant’Alessio, giunte però incomplete in alcune parti, il Laudario cortonese, l'Elegia giudeo-italiana.

bullet

le altre opere religiose non rappresentano un’innovazione culturale rispetto alla letteratura medievale latina:
bullet

sono molto contaminate dal dialetto, quello umbro in modo particolare

bullet

hanno un puro carattere agiografico (didattico-religiosa)

bullet

genesi:

bullet

Dopo una notte di sofferenze fisiche, per una grave malattia agli occhi e per i topi che infestavano la sua cella; al termine gli sarebbe apparsa una visione, a renderlo certo della salvezza eterna

bullet

analisi del significante:

bullet

è una lauda, cioè un salmo in volgare destinato al canto gregoriano

bullet

una prosa rimata divisa in versetti di due o più unità, legati da assonanze tutt'altro che improvvisate

bullet

la lingua adottata è una specie di volgare nobile, venato di termini umbri, latini, gallicani

bullet

Dio è:
bullet

Altissimo: il primo nella scala gerarchica

bullet

Onnipotente: creatore delle cose e dell’umanità

bullet

Buono: ha creato tutte cose belle e le ha date all’uomo

bullet

Signore: il padrone supremo

bullet

"laudato si’": formula che introduce le 9 lasse in cui è divisa la litania 
bullet

le prime sei sulla natura, le altre tre sull’uomo

bullet

forse l’ultima parte è stata composta in seguito:la lassa settima composta quando Francesco rappacificò il vescovo e il podestà di Assisi, da lui scomunicato; la lassa ottava quando gli fu annunciata l'imminenza della morte

bullet

"per":
bullet

per mezzo di (al v. 7)

bullet

a causa di

bullet

da parte di 

bullet

"frate", "sora":fratello e sorella perché tutti siamo figli dello stesso Creatore

bullet

"sole":la luce del giorno simbolo della grazia divina; la notte simbolo del peccato

bullet

"stelle": simbolo di guide divine

bullet

"aqua casta": simbolo della penitenza

bullet

"utile et humile": bisticcio retorico per la vicinanza di parole foneticamente simili

bullet

"enallumini", allumini + en = rafforzativo

bullet

"robustoso": il suffisso -oso ha una valore espressivo

bullet

"ca": dal latino quoniam

bullet

"la morte secunda": la dannazione eterna, usato poi anche da Dante

bullet

"farrà": doppia consonante tipica di vari dialetti

bullet

"serviateli": congiuntivo esortativo tipico dell'Italia centrale, con il -li dativo

bullet

analisi del significato:

bullet

Due parti:
bullet

La prima loda la natura = "alleluia", ottimismo

bullet

La seconda osserva l’uomo = "dies irae", pessimismo

bullet

La natura è lo specchio trasparente di Dio:
bullet

Se Dio è buono, crea cose buone

bullet

Se le cose create sono buone, il loro creatore è buono

bullet

L’uomo è parte del creato:
bullet

loda il suo Creatore per tutto quanto ha creato per lui = sottomissione gioiosa

bullet

l’uomo riconosce il dono meraviglioso della natura = gratitudine

bullet

si abbandona nelle mani di Dio = perfetta letizia

bullet

teme di allontanarsi da Dio = infanzia spirituale

bullet

non è degno di chiamare Dio per nome = inferiorità consapevole

bullet

ha bisogno di riconoscere i suoi peccati e chiedere perdono = lieta umiltà

CONFRONTO CON JACOPONE DA TODI (1234 - 1306 = 72 anni)

Pur condividendo la stessa fede e la stessa spiritualità, Jacopone intende e vive il cristianesimo in modo totalmente diverso da Francesco

bullet

uguaglianze:

bullet

desiderio di purificazione e di mortificazione

bullet

distacco dalle cose terrene (J. entra nell’Ordine dei Frati Minori Spirituali)

bullet

differenze:

bullet

pessimismo

bullet

anima tetra e passionale, mentre F. è lieto e puro

bullet

tormento esistenziale, non risolve il problema della corporeità, del mondo

bullet

ansia di annientamento

bullet

spasmodico desiderio di morte come fine delle sofferenze umane

bullet

condanna della natura e dell’uomo

bullet

condanna delle creature peccaminose

bullet

satira pungente dei vizi umani

bullet

disperato amore di Dio

bullet

polemica contro la Chiesa (in particolare contro Bonifacio VIII) che lui combatte anche con le armi

LINK (ovvero bibliografia su San Francesco):

www.geocities.com/athens/stage/6856/index_ita.html

www.etciu.com/MUSEO/M_HTML/ANTEPRIME/pittura/GIOTTO3.html

 

bibliografia

bullet

L. Caretti: "Antichi e moderni" vol I, Ed. A.P.E. Mursia MI 1989 p. 12

bullet

Collana "Antologia della letteratura italiana" diretta da M. Vitale, vol 1 p. 6, 44

 

le immagini nell'arte

 

Giotto: La morte di San Francesco Giotto: La morte di San Francesco
  Basilica superiore di Assisi Chiesa di Santa Croce in Firenze

 

una carrellata di autori in Power Point

la tabella cronologica degli autori

 per ulteriori informazioni sull'autore e il testo delle opere:
http://www.liberliber.it