lessico poetico
Home Su

lessico poetico
le figure retoriche

la tabella del lessico poetico più usato

1.      

Accenti ritmici

Accenti posti in posizioni fisse nel verso

2.      

Accento tonico

Aumento dell’intensità della voce su una determinata sillaba di una parola

3.      

Binario

Verso di due sillabe

4.      

Cesura

Pausa ritmica all’interno di un verso, che risulta diviso in due parti dette emistichi

5.      

Componimento poetico

Struttura metrica data dall’unione di un certo tipo di strofe

6.      

Costruzione

Spostamento dell’ordine della parole di un verso secondo la sintassi della prosa quotidiana

7.      

Decasillabo

Verso con ictus sulla terza, sesta e nona sillaba

(s’ode a destra uno squillo di tromba)

8.      

Dialefe

La vocale finale di una parola e quella finale della parola successiva formano due sillabe separate

9.      

Dieresi

Le vocali di un dittongo di una parola formano due sillabe separate

(in-ten-zi-o-ne)

10.       

Distico

Strofa di due versi

11.       

Dittongo

 

§     incontro di due vocali deboli (piu-ma)

§     Incontro di una vocale debole con una forte (mais)

§     = 1 sillaba

12.       

Emistichio

Le due parti di un verso diviso a metà da una cesura

13.       

Endecasillabo

Verso con ictus sulla quarta, settima e decima sillaba

(e come quei che con lena affannata)

14.       

Enjambement

Legame fra l’ultima parola di un verso e la prima del verso successivo

15.       

Figure retoriche

Procedimento stilistico per cui una parola o una frase viene adoperata con un significato diverso da quello consueto

§      di suono

§      di sintassi

§      di significato

16.       

Fonetica

L’orchestrazione dei suoni di una poesia data dalla particolare scelta di vocali e di consonanti

17.       

Iato

§     Incontro fra una vocale debole accentata e un vocale forte (pa-u-ra)

§     Incontro di due vocali forti (pa-e-se, be-a-to)

§      = 2 sillabe

18.       

Ictus

Coincidenza fra l’accento tonico di una parola e l’accento ritmico del verso

19.       

Novenario

Verso con ictus sulla seconda, quinta e ottava sillaba

(e s’aprono i fiori notturni)

20.       

Ottava

Strofa di otto versi

21.       

Ottonario

Verso con accento sulla terza e sulla settima sillaba

(quant’è bella giovinezza)

22.       

Parafrasi

Passaggio dalla poesia alla prosa, spiegando i concetti della poesia con parole di uso quotidiano

23.   

Parola piana

Accento sulla penultima sillaba (casa)

Se l’ultima parola di un verso è piana, il numero delle sillabe di quel verso è indicato dal suo nome

24.       

Parola sdrucciola

Accento sulla terz’ultima sillaba (cantico)

Se l’ultima parola del verso è sdrucciola, il verso avrà una sillaba in più rispetto a quelle indicate dal suo nome

25.       

Parola tronca

Accento sull’ultima sillaba (più)

Se l’ultima parola del verso è tronca, il verso avrò una sillaba in meno rispetto a quelle indicate dal suo nome

26.       

Poesia

Componimento letterario teso a creare un mondo fantastico, diverso da quello reale, ma ad esso profondamente legato, attraverso il quale il poeta esprime sentimenti o idee, procurando piacevoli emozioni a sé e ai suoi lettori

27.       

Quartina

strofa di quattro versi

28.       

Quaternario

Verso con l’accento ritmico sulla terzultima sillaba

29.       

Quinario

Verso con l’accento ritmico sulla quartultima sillaba

30.       

Registro linguistico

Livello di linguaggio usato (scelto e raffinato, semplice e popolano, gergale, dialettale, straniero, latineggiante)

31.       

Rima

Perfetta uguaglianza dei suoni finali di una poesia partendo dalla vocale accentata

32.       

Rima alternata

Il primo verso rima col terzo, il secondo col quarto

33.       

Rima baciata

I versi rimano a coppie

34.       

Rima incatenata

Il secondo verso di una terzina rima col primo e col terzo della terzina seguente

35.       

Rima incrociata

Il primo verso rima col quarto, il secondo col terzo

36.       

Rima interna

La parola finale di un verso rima con un’altra parola che si trova all’interno del verso seguente

37.       

Rima invertita

Una terzina inverte lo schema di rime della terzina precedente

38.       

Rima ripetuta

Ogni terzina ripete lo schema di rime di quella precedente

39.       

Ritmo

Ripetizione di accenti ad intervalli regolari

40.       

Senario

Ictus sulla seconda e quinta sillaba

(se cerca, se dice)

41.       

Sestina

Strofa di sei versi

42.       

Settenario

Ictus sulla prima e sulla sesta sillaba

(L’albero a cui tendevi)

43.       

Significante

§      il segno che usiamo per comunicare

§      Il suono di una parola

§      L’insieme dei suoni di una poesia, il più vicino al significato

44.       

Significato

§      il  messaggio che si vuole comunicare

§      Il concetto racchiuso in una parola

§      I temi di una poesia

45.       

Sillaba

Segmento fonico pronunciato con una sola emissione di voce

Contiene sempre una vocale, che può essere sola, oppure preceduta o seguita da una consonante

46.       

Sinalefe

Unione in una sola sillaba della vocale finale e di quella iniziale di due parole

(Mi ritrovai per una selva oscura)

47.       

Sineresi

Unione in una sola sillaba delle vocali di uno iato (be-a-to = bea-to)

48.       

Strofa

Unità metrica in cui le rime e il numero di versi sono uguali in tutta la poesia

49.       

Terzina

strofa di tre versi

50.       

Tono

L’intonazione, la melodia che si sussegue in un verso, data dall’uso di parole più corte (accelerazione) o più lunghe (rallentamento)

51.       

Trisillabo

Verso con ictus sulla seconda sillaba

(tossisce)

52.       

Versificazione

Accentuativa

Modo di fare versi che si fondano sul numero delle sillabe e sugli accenti ritmici

53.       

Verso

Ciascuna delle righe che formano una poesia, alla fine della quale il poeta va a capo

54.       

Verso imparisillabo

Composto da un numero dispari di sillabe

55.       

Verso libero

Senza un numero definito di sillabe

56.       

Verso parisillabo

Composto da un numero pari di sillabe

57.       

Verso piano

Accento sulla penultima sillaba

(nel mezzo del cammin di nostra vita)

58.       

Verso sciolto

Senza una rima particolare

59.       

Verso sdrucciolo

Accento sulla terzultima sillaba

(Seguendo il ciel sempre fu dirabile)

60.       

Verso tronco

Accento sull’ultima sillaba

(Lo ciel perdei, che per non aver fé)

61.       

Vocale debole

i, u

62.       

Vocale forte

a, e, o