Tasso
Home Su tasso.zip

CRONOLOGIA
AUTORI
San Francesco
Guinizzelli
Dante
Petrarca
Boccaccio
Machiavelli
Guicciardini
Ariosto
Tasso
Galileo
Goldoni
Shakespeare
Parini
Alfieri
Foscolo
Leopardi
Manzoni
Carducci
Verga
Pirandello

TORQUATO TASSO

Sorrento 1544 - 1595 Roma

la biografia di Torquato Tasso in Power Point

bullet

cronologia essenziale

bullet

ambienti

bullet

temperamento

bullet

significato

bullet

LE RIME 

bullet

AMINTA 

bullet

LA GERUSALEMME LIBERATA 

cronologia essenziale:

1565

si trasferisce a Ferrara, alla corte di Alfonso II, al servizio del cardinale Luigi d’Este: inizia la sua carriera di cortigiano

1572

Passa al servizio del duca Alfonso

1575-77

Terminata la Gerusalemme, sono gli anni cruciali della revisione del poema, dei dubbi estetici e religiosi: fa rivedere il poema da illustri letterati, si sottopone spontaneamente all’Inquisizione e per due volte viene assolto

1577

Avendo lanciato un coltello ad un servo che lui credeva lo spiasse, viene rinchiuso per breve tempo

1579

Dopo alcuni viaggi rientra a Ferrara in occasione delle nozze del duca Alfonso ma, deluso dalla disattenzione generale, inveisce contro il duca che lo fa rinchiudere nell’Ospedale di S.Anna. I primi tre anni saranno come un carcere duro, in seguito potrà ricevere la visiti di amici, corrispondere con loro e continuare  a scrivere.

1580

Vengono pubblicati i primi 14 canti della Gerusalemme, senza la sua autorizzazione e la sua revisione: questo gli causa dolore e  turbamenti

1586

Si trasferisce a Mantova, sotto la custodia del duca Vincenzo Gonzaga. Resiste qui solo pohi mesi, e finirà gli ultimi anni della sua vita in continue peregrinazioni fra Mantova, Napoli e Roma.

ambienti:

bullet

corte

bullet

chiesa

bullet

accademia

temperamento:

bullet

sensibilità inquieta e vigile, introspettiva e malinconica

bullet

contrasto fra il fascino dei valori terreni e l’ansia di purezza religiosa

significato:

bullet

il modello dell’intellettuale laico e cortigiano, dal successo alla reclusione, dalla fama all’infamia della pazzia

bullet

il modello del poeta lirico e sensuale (dopo Petrarca), delicato, attento alle minime espressioni dei moti dell’anima

bullet

scrittore versatile ed infaticabile:
bullet

epica: Gerusalemme Liberata/Conquistata (1575)

bullet

poesie: Rime (1567-1592 )

bullet

favola pastorale: Aminta (1573)

bullet

tragedia: Re Torrismondo (postuma: ex “Galealto re di Norvegia”)

LE RIME

bullet

2000 Rime composte nell’arco di tutta la vita, specie in carcere

bullet

solo in parte edite col suo consenso (1591:1° parte–1593:2°parte)[1]

bullet

caratteri:

bullet

encomiastiche, amorose, sacre

bullet

rinnovamento del linguaggio e dello stile

bullet

sensualismo, capacità di rappresentare una vasta gamma di sensazioni, emozioni ed affetti

AMINTA

bullet

1996 endecasillabi sciolti, divisi in cinque atti brevi

bullet

ambiente: le terre intorno a Ferrara, sul delta del Po

bullet

tema centrale:
bullet

l’amore “dolce e nuova illusione sorgente nell’anima, seducente e misteriosa realtà psicologica sbocciante fra turbamenti e ritrosìe, ingenuità ed abbandoni”(Getto)

bullet

la sensualità: la nudità di Silvia, la tentata violenza di un satiro, i consigli arditi di Tirsi ad Aminta

bullet

personaggi:
bullet

Aminta: un pastore innamorato, timido e rispettoso, titubante ed infelice

bullet

Silvia: una ninfa che, da ritrosa, grata ed insensibile all’amore dedita com’è solo alla caccia, inizia a provare pietà, gratitudine e commozione per la triste sorte dell’amante infelice (quando lo crede morto), fino ad amarlo

bullet

Dafne: ninfa compagna e consigliera di Silvia, di lei più matura ed esperta

bullet

Tirsi: pastore confidente e consigliere di Aminta

bullet

Peripezie:
bullet

Aminta salva Salvia dall’assalto del satiro, ma resta gelato dalla sua ingratitudine.

bullet

Aminta crede Silvia morta sbranata dai lupi, poi è Silvia a credere Aminta morto suicida credendola morta e vuole togliersi la vita

bullet

Lieto fine: Aminta ,lanciatosi in un burrone, si è salvato grazie ad un  fascio di erbe e rami che hanno attutito la caduta ed i due amanti presto celebreranno le loro nozze

LA GERUSALEMME LIBERATA

bullet

argomento: la prima Crociata (1099): i cristiani vittoriosi contro i saraceni, liberano il santo Sepolcro a Gerusalemme

bullet

riassunto:

Dio invia un angelo a Goffredo di Buglione per esortarlo a riprendere la guerra contro i Turchi di Aladino che assediano il Santo Sepolcro, Giunti a Gerusalemme, dopo i primi scontri fra cui il duello fra Tancredi e Clorinda, i demoni gettano la discordia nel campo cristiano: sarà Armida ad attirare molti cavalieri fuori dal campo cristiano. Tancredi, alla ricerca di Clorinda, viene imprigionato nel castello di Armida, ma sarà liberato da Rinaldo, assieme agli altri cavalieri da lei stregati, e andranno in soccorso dell’esercito cristiano in difficoltà. Clorinda incendia la torre da guerra dei cristiani ma, scoperta, muore in duello proprio per mano di Tancredi che si dispera per questo. Prima dello scontro finale occorre recuperare Rinaldo, imprigionato anche lui da Armida, ormai innamorata di lui e che vorrà vendicarsi per l’abbandono dell’amato. Ricostruite le macchine da guerra, i cristiani attaccano Gerusalemme, che sarà finalmente liberata, dopo che Erminia ha sventato una congiura di Armida contro Goffredo.

bullet

personaggi principali:
bullet

Goffredo di Buglione (c), Solimano (s)

bullet

Tancredi ©, Clorinda (s/c), Erminia (s),

bullet

Rinaldo ©, Armida (s)

bullet

Argante (s)

bullet

analisi psicologica e sentimentale, con ricchezza straordinaria di sfumature e di intuizioni


horizontal rule

[1] Solo nel 1964 è stata completata l’edizione critica delle Rime ad opera del Maier)

la biografia di Torquato Tasso in Power Point

una carrellata di autori in Power Point

la tabella cronologica degli autori

 per ulteriori informazioni sull'autore e il testo delle opere:
http://www.liberliber.it